Home » Articles posted by Redazione ALL (Page 2)

Author Archives: Redazione ALL

Fascicolo 1/2016

In questo numero:

Sarah Bigi & Chiara Pollaroli | Marco Passarotti | Giovanni Palmieri | Jadranka Cergol | Alice Crosta | Elisa Ramazzina | Sara Scarpellini |  Federica Venier


Saggi

DOWNLOAD dell'articolo Indice
DOWNLOAD dell'articolo Sarah Bigi e Chiara Pollaroli, La costruzione delle preferenze dei consumatori/ pazienti: il concetto di ‘alimentazione sana’ nei messaggi pubblicitari di prodotti alimentari
In this article we discuss how commercials about food contribute to the construc-tion of the concepts of ‘healthy, natural and genuine food’. We analyze a corpus of interviews by identifying all the passages in which consumers speak about products providing reasons for considering them ‘natural’ or ‘healthy’. By analyzing the ar-gumentation schemes and by relating them to the multimodality in the commer-cials, we describe the reasoning underlying consumers’ motivations.
Keywords: preferences; decision making; argumentative schemes; multimodal discourse analysis.
DOWNLOAD dell'articolo Marco Passarotti, How Far Is Stanford from Prague (and vice versa)? Comparing Two Dependency-based Annotation Schemes by Network Analysis
The paper evaluates the differences between two currently leading annotation schemes for dependency treebanks. By relying on four treebanks, we demonstrate that the treatment of conjunctions and adpositions represents the core difference between the two schemes and that this impacts the topological properties of the linguistic networks induced from the treebanks. We also show that such properties are reflected in the performances of four probabilistic dependency parsers trained on the treebanks.
L’articolo valuta le differenze tra i due principali schemi di annotazione a dipenden-ze in uso. Sulla base di quattro treebank, l’articolo dimostra che il trattamento delle congiunzioni e delle pre/postposizioni rappresenta la differenza principale tra i due schemi e che ciò comporta delle conseguenze sulle proprietà topologiche dei net-work indotti dalle treebank. Inoltre, si dimostra come tali proprietà siano riflesse nell’accuratezza di quattro parser probabilistici a dipendenze addestrati sulle treebank.
Keywords: treebank, syntax, network analysis, natural language processing
DOWNLOAD dell'articolo Giovanni Palmieri, Saussure chiama, pascoli risponde. Nuove prospettive sulla ricerca anagrammatica
Dopo un’ampia e aggiornata ricostruzione storico-filologica della corrispondenza tra Saussure e Pascoli, l’articolo suggerisce nuove prospettive sulla ricerca ana-grammatica negando che esista uno iato insanabile tra il Saussure degli anagrammi e quello del Cours. Per dimostrare ciò, l’autore si avvale anche degli scritti saussuriani ritrovati nel 1996. In particolare, Saussure avrebbe ‘scoperto’ il significante (elemento linguistico individuato in contrapposizione alla figure vocale) e le serie paradigmatiche proprio a partire dalla sua ricerca sulle associazioni foniche presenti nelle strutture anagrammatiche del linguaggio (poetico). Inoltre, a partire da una riflessione sul principio di similarità fonica, il confronto tra le due ricerche saussuriane consente di limitare il preteso dogma dell’arbitrarietà del segno. Ciò in perfetto accordo con Jakobson. Sviluppando poi un’intuizione di Meillet, viene analizzato il rapporto che esiste tra anagrammi e musica (dodecafonica, nel caso in questione). Chiude l’articolo una lettera immaginaria, ma non troppo, con la quale Pascoli avrebbe potuto rispondere a Saussure sulla questione degli anagrammi presenti nel testo poetico.
Keywords: anagram, hypogram, intentionality, vocal figure, autonomy of the signif-icants, games of signs, paradigmatic series, Freud.
DOWNLOAD dell'articolo Jadranka Cergol, Some typological features of ‘minority’ literature: the case of the Slovenian and Italian minorities
The aim of the article is to problematize the use of the term ‘minority’ literature. The term proposed by Gilles Deleuze and Felix Guattari proves to be too narrow and applicable only to a part of the variety of minority literatures. The aim of the article is therefore to provide a new definition of ‘minority literature’ by taking into ac-count literature written by two minority groups, Slovenes living in Italy and Ital-ians living in Slovenia and Croatia. The article even goes a step forward and poses the question whether ‘minority literature’ could be regarded as a completely inde-pendent supranational literary system.
Keywords: minority literature, regional literature, Slovenes in Italy, Italians in Slo-venia and Croatia, interculturalism
DOWNLOAD dell'articolo Alice Crosta, Manzoni e la rivoluzione degli Stati Uniti
Il saggio manzoniano sulla rivoluzione francese comprende un capitolo americano, in cui l’autore considera la rivoluzione americana più giusta e valida della rivoluzio-ne francese. Per sostenere questa tesi, cita diverse fonti: la History of the United Sta-tes di George Bancroft, il proemio della Dichiarazione d’indipendenza e il preambo-lo della Costituzione degli Stati Uniti. In questo contributo si dimostrerà che Man-zoni, che non conosceva l’inglese, ha utilizzato alcune traduzioni che non cita nelle note: traduzioni francesi della History di Bancroft e della Dichiarazione d’indipendenza e una traduzione italiana della Costituzione americana.
Keywords: Manzoni, United States, revolution, translations, Guizot, Bancroft.
DOWNLOAD dell'articolo Elisa Ramazzina, The Old English Genesis and Milton’s Paradise Lost: the characterisation of Satan
The aim of this study is to determine whether and to what extent the English poet John Milton may have been influenced in the composition of Paradise Lost by the Old English poem known as Genesis B. The paper will examine similarities and dif-ferences in the characterisation of Satan and of the temptation of Adam and Eve in both poems. The comparison between two of the illuminations of the Junius 11 ms. and the corresponding passages in Paradise Lost will be part of the analysis.
Keywords: Old English, Genesis, Satan, Milton, Junius 11 manuscript
DOWNLOAD dell'articolo Sara Scarpellini, Contributo per un’edizione critica della versione armena dell’Eutifrone di Platone: il manoscritto 1123 della Biblioteca dei Padri Mechitaristi di Venezia e l’edizione a stampa
L’antica traduzione armena dell’Eutifrone di Platone è contenuta in un unico mano-scritto, il n. 1123 della biblioteca dei Padri mechitaristi di San Lazzaro a Venezia. Questa traduzione venne edita da Padre Suk‘rean e successivamente studiata da Fre-derick Cornwallis Conybeare nel 1891 e da Roberto Solari nel 1969. Questi lavori non procedettero a un riesame accurato del manoscritto che invece talvolta restituisce lezioni migliori rispetto a quelle dell’edizione sia dal punto di vista filologico sia da quello linguistico.
Il presente lavoro esamina i casi in cui l’edizione va corretta sulla base del confronto col manoscritto e col testo greco.
Keywords: Euthyphro, Plat, Armenian translation, manuscript
DOWNLOAD dell'articolo Federica Venier, Intorno al volume: la lengua del imperio. La retorica del imperialismo en Roma y la globalizacion
Keywords: political rhetoric; imperialism; propaganda; ancient Rome; United States of America.
DOWNLOAD dell'articolo Recensioni
DOWNLOAD dell'articolo Giovanni Gobber, Rassegna di Linguistica generale e di glottodidattica
DOWNLOAD dell'articolo Enrica Galazzi e Chiara Molinari, Rassegna di Linguistica francese
DOWNLOAD dell'articolo Margherita Ulrych e Amanda Murphy, Rassegna di Linguistica inglese
DOWNLOAD dell'articolo Anna Bonola, Rassegna di Linguistica russa
DOWNLOAD dell'articolo Federica Missaglia, Rassegna di Linguistica tedesca

È possibile scaricare i files della rivista integrale in PDF cliccando qui,  in ePub cliccando qui,  in mobi (formato Kindle) cliccando qui.

Fascicolo 2/2015

In questo numero:

L. Balbiani – F. Missaglia – R. Jaradat – A. Carminati – E. Musi – P. Spinozzi


Saggi

DOWNLOAD dell'articolo Indice
DOWNLOAD dell'articolo Laura Balbiani, Kompositionsfreudige Italienreisende Wortbildungsphänomene in Reiseberichten aus drei Jahrhunderten
This paper focuses on the textual genre ‘travel report’ and analyses range and characteristics of nominal composition phenomena as they occur in a specific text corpus, put together to serve this purpose. Such phenomena are illustrated from a synchronic point of view, i.e. referred to one single text, but also diachronically, thanks to the contrastive analysis of texts written in three different centuries (from 1642 to 1958). The ongoing research provides significant indications about the morphosyntactical strategies used in these texts to build compound words and information about their main linguistic components, such as lexical units, confixes and connecting elements; but it is interesting also in a diachronic perspective, because it points out the development of these strategies and their changes in time as well as the growing specialisation of some compound-related elements. The corpus can also be evaluated with the aim of writing a history of this text genre and, of course, a linguistic history of travel, since it gives evidence about the constitution of a specialised language of tourism.
Keywords: compounding – travel accounts – language of tourism
DOWNLOAD dell'articolo Federica Missaglia, Verbale und non-verbale Kommunikation interkulturell: Eine sprachwissenschaftliche Perspektive für die Wirtschaft und die internationalen Beziehungen
Italian graduates with high competence in German language and extensive knowledge in the areas of Business Communication and/or International Relations are the target group of specific scientific investigations. These account for their competence level and analyse relevant intercultural aspects of communication with its verbal and non-verbal components. This paper describes a specific competence-profile for intercultural communication in knowledge-based, competitive and innovative Europe.
Keywords: intercultural communicatiuon, verbal and non-verbal aspects of communication, competence-profile for employability in Europe
DOWNLOAD dell'articolo Riham JaradatUne lecture textuelle de la violence cachée dans le discours idéologique écrit : L’écriture et la différence comme exemple
Since there is a close affinity between ideology and written discourse, this study chose to trace the relationship between the discourse of Jacques Derrida – as manifested in his Writing and Difference – and intertextuality that involves some forms of ideology. By taking stock of a number of excerpts, it will discern traces of violence which demonstrate that Derrida ideologizes his text while deleting some other viewpoints and setting his own points of view so that they are consistent with his objectives and deconstructive approach. Bearing in mind the triangular relationship between writer, identity and ideology, this study will demonstrate the deconstructive approach of reading/ analyzing a text before rebuilding/ re-writing it.
 Keywords: Ideology – violence – deconstruction – Derrida – Intertextuality – written discourse
DOWNLOAD dell'articolo Anna Carminati, Sondaggi sul linguaggio di Clemente Rebora traduttore dal russo. Tra le novelle di Andreev e le prose di guerra
L’interesse per il mondo russo manifestato da Clemente Rebora nel primo dopoguerra ha un ruolo significativo all’interno del suo percorso umano e poetico. Ciò è ben visibile nella traduzione del racconto Eleazar di Leonid Andreev, pubblicato nel 1919, in cui Rebora riconosce descritta la propria esperienza vissuta al fronte. Questa si riflette nel processo traduttivo, che diventa occasione per scavare nel significato dell’opera. Il presente contributo, che si muove nell’ambito degli studi di italianistica, analizza il Lazzaro reboriano nel contesto delle coeve opere del poeta milanese, particolarmente le prose liriche di guerra, ed individua i punti in cui il traduttore, discostandosi vistosamente dall’originale pur senza tradirlo, lascia emergere la sua personale voce. L’analisi stilistica condotta mostra come l’affinità con l’opera tradotta permetta a Rebora di riconsegnare nella veste italiana la peculiarità espressiva del linguaggio andreeviano.
Keywords: the experience of the war; translation; poetic language; Rebora; Andreev.
DOWNLOAD dell'articolo Elena Musi, Argomentare parlando e parlare argomentando: la polisemia della parola ‘argomento’ nella Divina Commedia
Questo lavoro propone un’analisi semantica della parola ‘argomento’ nella Divina Commedia adottando il punto di vista della teoria dell’argomentazione. Il termine ‘argomento’, polisemico sin dalle sue origini latine, oltre a indicare il tema di un discorso, fa parte del lessico tecnico dell’argomentazione. I risultati dell’analisi mostrano che i) i significati associati al termine nella Divina Commedia hanno sempre un valore meta-argomentativo e sono tra loro metonimicamente relati; ii) si assiste a un progressivo mutamento semantico intratestuale del termine nelle tre cantiche da indicatore di argomentazione pragmatica a indicatore di argomentazione conoscitiva. In ultimo, l’analisi della configurazione inferenziale attivata dal termine in Paradiso XXVI getta luce sul complesso rapporto tra fede e ragione soggiacente all’intera opera.
Keywords: argumentation, Divina Commedia, polysemy, semantics, argumentative indicator
DOWNLOAD dell'articolo Paola Spinozzi, “Preposterous thicks and thins”: i libri ideali di William Morris fra intermedialità e teoria sociale
Fra le molteplici espressioni dell’osmosi fra arte verbale e visiva perseguita da William Morris, la stampa e la tipografia rivestono un ruolo peculiare. Il libro ideale di Morris – oggetto materiale e object d’art – solleva questioni cardinali che riguardano l’interdipendenza fra parola e immagine, i nessi fra forma e contenuto, il ruolo dell’arte nella società, le interazioni fra estetica e politica. Le ragioni che indussero Morris a criticare Giambattista Bodoni sono state tralasciate fino ad ora e richiedono una disamina, perché rivelano l’intersecarsi di orientamenti estetici ed ideologici nell’evoluzione della tipografia e dell’editoria fra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento.
Keywords: William Morris; Giambattista Bodoni; ideal book; interartistic esthetics; social theory; utopia.
DOWNLOAD dell'articolo Recensioni
DOWNLOAD dell'articolo Editoria, autori, traduttori, pubblico: uno sguardo al percorso del libro nei secoli XVI-XVII e XX
DOWNLOAD dell'articolo Giovanni Gobber, Rassegna di Linguistica generale e di glottodidattica
DOWNLOAD dell'articolo Enrica Galazzi e Chiara Molinari, Rassegna di Linguistica francese
DOWNLOAD dell'articolo Margherita Ulrych e Amanda Murphy, Rassegna di Linguistica inglese
DOWNLOAD dell'articolo Anna Bonola, Rassegna di Linguistica russa
DOWNLOAD dell'articolo Federica Missaglia, Rassegna di Linguistica tedesca

È possibile scaricare i files della rivista integrale in PDF cliccando qui,  in ePub cliccando qui,  in mobi (formato Kindle) cliccando qui.

CFP: Ecospeak and Ecocriticism: What Reciprocity Between Humanity and the Planet?

In 2016 the Journal “L’Analisi Linguistica e Letteraria” is publishing a thematic issue titled: Ecospeak and Ecocriticism: What Reciprocity Between Humanity and the Planet?

Since the end of last century our Planet Heart has become the object of an attention aimed at awakening environmental awareness. “Being” means today “being in a place” and the word ‘place’, as opposed to the more abstract ‘space’, has become an essential concept to rethink our way to inhabit the Planet. In this sense, Yi-Fu Tuan affirms that places are “centers of felt value”, because humans can develop a place-attachment but not a space-attachment, this last being a geometrical or topographical abstraction without sentimental bonds.

One of the theories exploring these matters is Ecocriticism, born with the “intent to include the environmental question in literary criticism, as it had already been done for civil rights and for the feminist and postcolonial question” (S. Iovino). Which points of view can then spread from such a perspective, not only on literary matters but inside a wider analysis taking into consideration the so called Ecospeak? How does communication treat the relationship humanity/nature?
 We invite to present contributions answering, from a synchronic and diachronic point of view, one or more of the following questions:

  • How does the Ecological question and consciousness modify the narration, both at discourse and contents level?
  • How do different literary traditions relate to the concept of Ecocriticism?
  • Is Ecocriticism compatible with the Christian conception of the creation?
  • Which argumentative strategies are used in ecocritical discourse and how are they transposed from one cultural field to another through translation?
  • Which communicative manipulations are put to use with respect to the new and increasingly widespread ecological sensibility?
  • How does the ecological crisis and the modern ecological awareness intervene in the relationship of humans with the place where they live?

We believe this last perspective to be particularly interesting to be explored in the year when EXPO 2015, titled Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita, takes place in Milan. Moreover, the theme of sustainability, of intelligent and responsible growth, of attention to the Planet, to climate changes, to resources and raw materials are among the key points of Horizon 2020.

We invite submissions related, but not limited to, any of the aforementioned issues.

Deadline for submissions : 22 November 2015.

Papers, no longer than 20.000 characters with spaces, must be submitted online through the journal website : http://www.analisilinguisticaeletteraria.eu and must follow the journal stylesheet.

Authors will be notified of acceptance/rejection by April 2016.

Fascicolo 1/2015

In questo numero:

A. Cattani – F. H. van Eemeren – M.D. Aeschliman – V. Prencipe – V. Bogushevskaya – C. Naccarato – C. Macagno – G. Giardini


Saggi

DOWNLOAD dell'articolo Indice
DOWNLOAD dell'articolo Adelino Cattani, Il discorso di commiato del “più prolifico studioso di argomentazione al mondo”
DOWNLOAD dell'articolo Frans H. van Eemeren, Sulla ragionevolezza
DOWNLOAD dell'articolo M.D. Aeschliman, A Dark Angel and His Masterpiece: Aldous Huxley and Brave New World
DOWNLOAD dell'articolo Vittoria Prencipe, Origine e significato delle parole che parlano di cibo
L’intervento si propone di tracciare l’area semantica delle parole più comuni per indicare il cibo, ovvero accanto a ‘cibo’, ‘alimento’ e ‘nutrimento’, attraverso un’analisi prevalentemente etimologica, al fine di evidenziarne le differenze, perdute nell’uso contemporaneo delle stesse. La seconda parte dell’articolo si focalizza sul concetto di ‘banchetto’, convivium, pratica di vita in comune, sulla quale si fonda, in Occidente, l’idea stessa di civiltà.
Keywords: food, nourishment, banquet, civilization
DOWNLOAD dell'articolo Victoria Bogushevskaya, Chinese GRUE: on the original meaning and evolution of qīng 青
Una delle peculiarità del vocabolario dei colori in lingua cinese è la rappresentazione di diverse parti dello spettro tramite un unico termine – qīng 青, che denota non solo la categoria composita verde-azzurro, ma si estende anche verso l’area macro scura dello spazio del colore. Qīng è uno dei cinque colori canonici in Cina. Sebbene svolga una doppia funzione nella formazione delle parole – in qualità di radicale in cromonimi derivati in wenyan e come morfema in composizione con lessemi dei colori in cinese mandarino standard – non rappresenta uno dei termini di colore basici nella lingua cinese contemporanea, in quanto esistono termini distinti, psicologicamente salienti, per indicare il verde, l’azzurro e il nero. Questo articolo si concentra sull’analisi semantica di tutti i significati esistenti del termine qīng, determina la sequenza temporale della loro comparsa e avanza ipotesi sui motivi del loro sincretismo.
Keywords: colour naming, grue, macro-category, qing, colour categorisation
DOWNLOAD dell'articolo Chiara Naccarato, I composti verbali in russo
L’articolo tratta dei composti verbali in lingua russa. Dopo una breve illustrazione delle caratteristiche dei composti verbali e dei criteri utilizzati per la loro identificazione, i composti verbali russi vengono classificati in base alla loro struttura morfologica. Quindi, vengono individuate le diverse tipologie sottostanti all’etichetta generica di ‘composti verbali’ e vengono esclusi da questa categoria i composti che non possono farne parte.
Keywords: compounding, verbal compounds, Russian, argument structure
DOWNLOAD dell'articolo Claudio Macagno, La poetica di titoli e copertine dei gialli di Dar’ja Doncova
Questo lavoro prende in esame i titoli e le copertine dei gialli di Dar’ja Doncova, giallista russa che occupa una posizione di primo piano tra i leader del giallo femminile. A partire da alcune considerazioni sull’importanza e sulla funzione del titolo del testo letterario in generale, si passa all’indagine di questo fenomeno nella letteratura di massa, al cui interno si colloca la produzione di Doncova. L’articolo presenta una disamina dei procedimenti linguistici e semiotici alla base della scelta dei titoli e delle copertine dei gialli. Si evidenziano i principali raggruppamenti semantici, il rapporto che intercorre tra i titoli dei romanzi e le serie in cui questi sono raggruppati e i numerosi rimandi intertestuali che celano un’operazione raffinata e sofisticata, il risultato di una poetica che è un’espressione dei nostri tempi.
Keywords: mass popular literature, detective story, Dar’ja Doncova, titology, intertextuality
DOWNLOAD dell'articolo Giorgia Giardini, Il messaggio sociale nel teatro di Miguel Hernández
Questo lavoro si propone di illustrare la traiettoria sociale e politica di Miguel Hernández attraverso le sue opere di teatro: si analizzeranno tanto la sua progressiva adesione al comunismo quanto la sua attività di propaganda durante la Guerra Civile Spagnola. Allo stesso tempo, si descriveranno e giustificheranno diverse scelte tematiche dell’autore, con particolare attenzione alla caratterizzazione dei personaggi delle opere di teatro impegnato.
Keywords: Miguel Hernández, engaged theatre, characters, evolution
DOWNLOAD dell'articolo Recensioni
DOWNLOAD dell'articolo Giovanni Gobber, Rassegna di Linguistica generale e di glottodidattica
DOWNLOAD dell'articolo Enrica Galazzi e Chiara Molinari, Rassegna di Linguistica francese
DOWNLOAD dell'articolo Margherita Ulrych e Amanda Murphy, Rassegna di Linguistica inglese
DOWNLOAD dell'articolo Anna Bonola, Rassegna di Linguistica russa
DOWNLOAD dell'articolo Federica Missaglia, Rassegna di Linguistica tedesca

È possibile scaricare i files della rivista integrale in PDF cliccando qui,  in ePub cliccando qui,  in mobi (formato Kindle) cliccando qui.

Fascicolo 1-2/2014

In questo numero:

C. Assoni – T. Austenfeld – R. Barsky – F. Baucia – F. Bellini – B. Belloni – L. Bignotti – E. Bolchi – S. Carini – S. Cigada – M. Corradini – F. Crippa – C. Foppa Pedretti – G. Grata – F. Locatelli – F. Lonati – R. Marseglia – L. Mor – P. Nardi – D. Pagani – R. Pignataro – P. Ponti – F. Rognoni – S. Rosso – B. Saglietti – G. Segato – D. Vago – M. Verna


Saggi

DOWNLOAD dell'articolo Indice
DOWNLOAD dell'articolo Clara Assoni, Fuga dalla modernità (fuga verso il mito). L’Escape nelle opere di Tolkien
The Lord of The Rings non è un romanzo per ragazzi o una saga fantasy di pura evasione, ma è un racconto epico di sopravvivenza alle ‘brutture’ del mondo moderno. In On Fairy-Stories Tolkien chiarisce il concetto di escape come molla propulsiva per la sub-creation, momento salvifico per l’essere umano, il cui prodotto è la creazione di un mondo alternativo, improntato alla Bellezza, collocato in un tempo mitico ed eterno. La fantasia ha per Tolkien tre funzioni: recovery, escape e consolation, tra loro indissolubilmente intrecciate. Tale fantasia ristoratrice permette all’essere umano di evadere dal carcere di una vita limitata da menzogne, vuote formalità e condizionamenti. E attraverso di essa l’uomo può ritrovare una freschezza della visione della realtà, depurata dalle scorie contingenti e immersa in un’aurea mitica; l’escape avvia un processo che si adempie e sublima nell’eucatastrophe, oramai non più solo semplice lieto fine delle favole, ma eco dell’Evangelium nel mondo reale.
DOWNLOAD dell'articolo Thomas Austenfeld, Fleeing, Flying, Staying, Leaving: The Persistence of Escape in American Literature
Il potenziale creativo insito nel doppio significato dei verbi inglesi to flee/to fly (i quali denotano tanto la fuga quanto il movimento aereo) è illustrato nei testi canonici della letteratura americana sulla fuga. Oltre alla sua accezione più classica, in questi testi la fuga è spesso intesa come abbandono o partenza mancata. Tali declinazioni della fuga presentano variazioni legate ai ruoli di genere che sono perfettamente illustrate all’interno del romanzo Flight Behavior di Barbara Kingsolver (2012). Quest’opera ricapitola il polimorfismo della fuga nella letteratura americana e ne allarga gli orizzonti di significato fino ad includere la questione del riscaldamento globale.
DOWNLOAD dell'articolo Franco Lonati, Un’anabasi metropolitana. The Warriors di Sol Yurick
La fuga, come motivo narrativo ed elemento di suspense, è utilizzata con una certa frequenza nella cultura popolare e nella letteratura di genere. Si pensi ai molti esempi di fughe disperate in romanzi, racconti e film drammatici, polizieschi, gialli, thriller e horror. Un genere, in particolare, nel quale la fuga è un elemento spesso imprescindibile è certamente il noir: esempi in tal senso possono essere i romanzi di David Goodis, autore del tesissimo Dark Passage (1946), significativamente uscito in Italia sotto il titolo di La fuga, di Martin M. Goldsmith, che nel 1939 scrisse il classico Detour (1939) o di Dorothy B. Hughes, autrice poco celebrata ma assai valida, artefice del misconosciuto ma splendido Ride the Pink Horse (1946).
Oggetto del presente contributo è però un altro romanzo, più recente, che, come quelli sopracitati, è stato in seguito trasformato in un ottimo film. The Warriors (in italiano, I guerrieri della notte), fu scritto da Sol Yurick nel 1965 e, una quindicina di anni dopo, fu portato sullo schermo da Walter Hill, con molte modifiche rispetto al testo originale. Questo romanzo, che narra di scontri fra bande giovanili nella New York degli anni Sessanta, a prima vista non sembrerebbe rientrare pienamente nella categoria del noir, anche se definire il noir è un’impresa in cui si sono cimentati in molti e finora nessuno con pieno successo.
DOWNLOAD dell'articolo Robert Barsky, The Savage Pilgrimage: D.H. Lawrence’s Dialogic Journeys upon Monte Verità, the Mountain of Truth
Al centro dell’enorme corpus di poesie, racconti, romanzi e critica letteraria di Lawrence c’è Lady Chatterley’s Lover, il primo della lunga serie di classici censurati descritti in un recente lavoro come “Dirt for Art Sake”. A dispetto della popolarità della scrittura di Lawrence, comunque, e della notorietà che guadagnò dai procedimenti legali avviati contro di lui in nome della censura, pochi critici hanno messo in rapporto la sua ricerca letteraria e culturale con il suo intenso impegno intellettuale verso la contro-cultura contemporanea in Germania e in Svizzera e molti, forse come conseguenza, deridono o ignorano i suoi lavori più scabrosi. In questo saggio discuterò come esempi di contro-cultura contemporanea – e in particolare l’adesione di Lawrence alle idee derivanti da anarchici, bohémiens, nudisti, adoratori del sole, vegetariani, e le colonie artistiche di Monte Verità – furono catalizzatori per le qualità dialogiche e carnevalesche di lavori come Sun e Lady Chatterley’ Lover. Questa relazione traccerà i tentacoli storici e ideologici che connettono il lavoro di Lawrence alla contro-cultura contemporanea, e si concluderà poi collegando il suo approccio alla scrittura di M.M. Bakhtin, il cui corpus appare come un manuale per quei lettori che volessero affrontare la scrittura dialogica più impudica e diretta di Lawrence.
DOWNLOAD dell'articolo Francesco Baucia, Fughe ‘dal’ tempo, fughe ‘nel’ tempo: Borges, McTaggart, Nabokov
Questo intervento presenta due diversi tipi di rapporto tra i concetti di ‘fuga’ e di ‘temporalità’, che sono esemplificati da due frasi tratte da una coppia di opere di V. Nabokov. Il primo tipo di rapporto esaminato può essere chiamato ‘fuga dal tempo’: si tratta di una relazione tra questi concetti che rivela una posizione filosofica scettica nei confronti dell’esistenza reale del tempo, posizione che è condivisa da scrittori come J.L. Borges e da filosofi come J.T. McTaggart. Il secondo tipo di rapporto può essere invece denominato ‘fuga nel tempo’: secondo Nabokov, la temporalità è la dimensione più decisiva per l’arte e la letteratura, e dunque non è possibile realizzare una ‘vera’ fuga dal tempo. Il vero obiettivo dell’artista deve essere pertanto quello di realizzare una fuga nell’elemento puro (medium) della temporalità, ossia nella sua ‘tessitura’, piuttosto che nei suoi contenuti (nel suo ‘testo’).
DOWNLOAD dell'articolo Federico Bellini, In fuga sulla sedia a dondolo: Murphy di Samuel Beckett
Il saggio tratta del significato della sedia a dondolo nel romanzo Murphy di Samuel Beckett, considerata come esempio della ‘simbologia geometrica’ dell’autore. Si sostiene che la forma della sedia a dondolo possa essere interpretata in relazione all’interesse di Beckett per i numeri irrazionali quali mezzo per illustrare il tipo di relazione fra i suoi personaggi e il mondo. Si propone inoltre di mettere in relazione in questo senso la sedia a dondolo con un altro oggetto tipicamente beckettiano, la bicicletta, che si rivela caratterizzata da una simbologia a essa complementare. La relazione fra questi due oggetti, si sostiene infine, può fungere da paradigma per una tipologia dei personaggi beckettiani, tesi fra una fuga verso un altrove indefinito e una fuga verso un’interiorità staccata dal mondo.
DOWNLOAD dell'articolo Benedetta Belloni, Storia di una diaspora morisca: le istruzioni per la fuga verso Oriente nel manoscritto aljamiado 774 della Biblioteca Nazionale di Parigi
Il presente articolo analizza un frammento (ff. 37v-39r) del manoscritto aljamiado n. 774 appartenente alla Biblioteca Nazionale di Parigi. L’obiettivo dello studio è quello di riflettere non solo sul valore del documento come testimonianza storica della fuga verso Oriente di alcuni componenti della comunità ispano-musulmana, ma anche quello di ragionare sul considerevole significato che la produzione aljamiado-morisca assume nell’ambito della letteratura spagnola dei secoli XVI e XVII.
DOWNLOAD dell'articolo Laura Bignotti, Fuga del tempo, fuga dal tempo: la poesia di Johann Ch. Günther (1695-1723)
Il presente contributo indaga, attraverso l’analisi di alcuni passi particolarmente significativi, la presenza e l’evoluzione del tema della fuga nella poesia dell’autore tardo barocco Johann Christian Günther (1695-1723). Tale tematica è ravvisabile innanzi tutto nei frequenti rimandi lessicali alla fugacità della vita terrena dei canti giovanili del poeta, ed emerge, in particolare nella sua produzione matura, nei riferimenti alla volontà di sfuggire ad un mondo incapace di accogliere la sua voce poetica, e, al contempo, alle convenzioni dell’epoca barocca, ormai alle sue spalle.
DOWNLOAD dell'articolo Elisa Bolchi, Fuga verso il presente. Un’analisi delle fughe in The Stone Gods di Jeanette Winterson
Quando si apre The Stone Gods la fuga sembra l’unica alternativa possibile per sopravvivere a un pianeta che sta per scomparire. Questa fuga si rivelerà però inutile, perché la nuova meta, la nuova speranza, si scoprirà essere semplicemente il nostro presente, il Pianeta Terra, che alla fine del romanzo è già tanto malridotto da lasciare, ancora una volta, la fuga come unica alternativa. Nel romanzo della Winterson la fuga è quindi un concetto ampiamente indagato, sotto diverse forme: come fuga dalla società, dalla ‘normalità’ socialmente accettata, dalle gabbie culturali e, non ultimo, da un pianeta in estinzione.
DOWNLOAD dell'articolo Sara Carini, “La historia no la leemos, la releemos siempre”: fuga dall’archivio in Rodrigo Rey Rosa e Horacio Castellanos Moya
L’articolo analizza il rapporto tra archivio e storia in due romanzi centroamericani contemporanei: El material humano di Rodrigo Rey Rosa e Insensatez di Horacio Castellanos Moya. L’analisi porta alla luce come il recupero dell’identità collettiva conservata all’interno degli archivi si riveli per entrambi i protagonisti sia una fuga dal presente (violento e caotico), sia una fuga dal passato (autoritario e ‘silenziato’). Una fuga però impossibile, frustrata a causa della paura e della paranoia che derivano dall’impossibilità di rivisitare e conoscere il passato in piena libertà.
DOWNLOAD dell'articolo Sara Cigada, La Fuite dans Les Passions de l’âme (Descartes)
Nella sua ultima opera Cartesio affronta il tema delle passioni e della loro collocazione problematica nell’uomo, finora descritto come la somma di due fattori indipendenti: la res cogitans e la ‘macchina del corpo’. La passione in effetti coinvolge misteriosamente anima e corpo in un’unica esperienza. Oltre a introdurre l’escamotage della ghiandola pineale, l e ’autore afferma che il corpo va addestrato severamente, affinché la sua sottomissione all’anima sia completa. Tra gli esempi, torna frequentemente quello della paura, della quale la fuga è una conseguenza possibile, ma non inevitabile… Ma, soprattutto, la fuga viene a rappresentare il nucleo di ogni passione umana, in quanto polo negativo del desiderio di bene dal quale nasce ogni nostra azione.
DOWNLOAD dell'articolo Marco Corradini, Le sirene, la poesia, la morte. Appunti su Omero e Pascoli
Le Sirene costituiscono un pericolo mortale per chi le ascolta, ma il loro canto viene presentato come un’offerta di conoscenza e un’immagine della poesia stessa. Il contributo prende in esame l’archetipo omerico (Odissea XII) e la rilettura dell’episodio proposta dall’Ultimo viaggio di Giovanni Pascoli (Poemi conviviali, 1904), per mostrare come nel primo caso le Sirene appaiano una realtà da fuggire, nel secondo al contrario Ulisse le ricerchi consapevolmente, spinto da un bisogno esistenziale di identità e di assoluto: ora però le Sirene tacciono, e sono loro a diventare sfuggenti.
DOWNLOAD dell'articolo Francesca Crippa, In fuga dalla storia, dagli stereotipi e dalle convenzioni sociali: il caso della ‘Pastora’ in Donde nadie te encuentre di Alicia Giménez-Bartlett
Nel romanzo di Alicia Giménez-Bartlett, Donde nadie te encuentre, il tema della fuga si articola su due direttrici. La protagonista fugge dalle discriminazioni di una società incapace di accogliere ed accettare la sua diversità. Allo stesso tempo, tutti i personaggi coinvolti nella narrazione sperimentano un graduale processo di allontanamento dagli ideali imperanti nella Spagna franchista. Lo scopo di questo lavoro è rileggere il testo alla luce di tali considerazioni, analizzando come in esso la scrittrice sviluppa il tema della fuga intesa come rottura totale e proiezione verso una nuova dimensione vitale alla quale tutti i personaggi sembrano aspirare.
DOWNLOAD dell'articolo Clara Foppa Pedretti, In fuga dalla tirannia, dall’odio e dal perdono: Urania Cabral in La fiesta del Chivo di Mario Vargas Llosa
Rafael Trujillo è conosciuto come uno dei dittatori più feroci e spietati che hanno tormentato l’America Latina. Il suo regime, che per trentuno anni ha oppresso il popolo dominicano, ha avuto fine il giorno del suo assassinio, il 30 maggio 1961. Nel 2000 Mario Vargas Llosa ha pubblicato La Fiesta del Chivo, romanzo che narra gli ultimi quindici giorni di vita del despota dominicano. La protagonista dell’opera, Urania, figlia di Agustín Cabral, uno dei senatori di Trujillo, dopo più di trent’anni trascorsi negli Stati Uniti, fa ritorno a Santo Domingo. Attraverso il suo racconto veniamo a conoscenza della barbara violenza e dell’amaro tradimento che l’hanno portata a fuggire da un dolore incancellabile, incurabile, che segnerà per sempre la sua esistenza. Questo lavoro si propone di analizzare come la fuga di Urania sia, in momenti diversi, allontanamento e riavvicinamento alla sua vita e alle sue origini, alla costante ricerca della verità.
DOWNLOAD dell'articolo Giulia Grata, Montale contra Rimbaud: la Bildung di “chi rimane a terra”
S’indaga il rapporto di Montale con Rimbaud alla luce del confronto fra Mediterraneo (1925) e Le Bateau ivre (1883): due poemi narrativi di giovinezza in cui viene messo a tema il contatto dell’uomo-poeta con il mare. S’illustra come, nel generale quadro di apprensione e superamento della poetica simbolista messa in atto nei primi Ossi di seppia, Montale inscriva un esplicito riferimento alla vicenda esistenziale e poetica di Rimbaud quale essa è rappresentata nel Bateau ivre.
DOWNLOAD dell'articolo Federica Locatelli, Des lignes de fuite vers le moi : Henri Michaux
Since the very beginning, Henri Michaux’s poetry has investigated the topic of being, namely its definition, its extent and its boundaries, through the instrument of writing. According to the poet’s vision, human being is “multiple, complexe et d’ailleurs fuyant”; as a consequence, poetry, whose main objective is “questionner, ausculter, approcher le problème de l’être” (Passages), cannot but witness this protean and elusive tendency. Therefore, in the context of a poetic production focused on the theme of the escape, the self, “[qui] est et se voudrait ailleurs, essentiellement autre”, shall overflow its physical and linguistic boundaries, dissolving into many “lignes de fuite”/ “convergence lines” (Deleuze-Guattari), which represent the real issue treated in Michaux’s poetry. As we hope to demonstrate by the analysis of some pages of Plume, La Vie dans les plis, Face aux verrous, the escape and moving of the self, including its body and identity, are not the result of arbitrary imaginative work, but the most suitable poetic strategy allowing the reader to grasp the real objective of art, that is to say the inexhaustible longing for self-understanding, as well as understanding of others.
DOWNLOAD dell'articolo Franco Lonati, Un’anabasi metropolitana. The Warriors di Sol Yurick
La fuga è uno degli elementi narrativi e stilistici attorno a cui è costruito uno dei generi caratteristici della letteratura americana del XX secolo, il noir. Il mio contributo prende in esame un esempio di noir moderno e atipico, un romanzo se r misconosciuto che il capolavoro cinematografico che ne è stato tratto ha finito, paradossalmente, per oscurare ulteriormente, The Warriors, scritto da Sol Yurick nel 1965. Questo romanzo, seguendo il solco tracciato da autori come David Goodis e Dorothy Hughes, è incentrato su una fuga (fisica e metaforica), ma si distacca dalla tradizione per le caratteristiche, le motivazioni e i significati che questa fuga assume nel corso della narrazione e che sono oggetto del mio paper.
DOWNLOAD dell'articolo Rocco Marseglia, OEdipe, un héros en fuite
This paper aims to highlight the various ‘escapes’ marking the various moments of Oedipus’ mythological story as it arises in Oedipus Rex by Sophocles. T x hough Laius has pierced his son’s feet in order to prevent him from escaping, Oedipus arrives in Corinth; after he discovering that he is not Polybus’ real child, he resumes his escape and arrives in Thebes, his true homeland. Here, he will see the truth and flee into exile. Sophocles’ Oedipus Rex stages this Theban stay of Oedipus, closed between two parallel escapes.
DOWNLOAD dell'articolo Lucia Mor, La fuga negata. Marie Luise Kaschnitz e il nazismo
Nel gennaio del 1946 la scrittrice tedesca Marie Luise Kaschnitz pubblica sulla neonata rivista “Die Wandlung” (Il cambiamento) il saggio Von der Schuld (Sulla colpa) nel quale reagisce, a pochi mesi dalla fine della guerra, alle accuse rivolte da più parti ai Tedeschi di aver consentito al nazismo di trascinare il mondo nella tragedia della Seconda Guerra Mondiale. Le pagine della Kaschnitz sono un documento dimenticato del dibattito, ad oggi inconcluso, sul tema della colpa dei Tedeschi che non opposero resistenza al regime di Adolf Hitler: esse non sono recuperate per decidere sulla condanna o sull’assoluzione della scrittrice e di chi con lei si definì ‘vigliacco’ per aver taciuto, bensì per cercare di comprendere le cause dal punto di vista umano del fenomeno della Innere Emigration, causato dal potere paralizzante esercitato dal regime del terrore, che chiuse ai più ogni via di fuga concreta e, soprattutto, la via della coscienza.
DOWNLOAD dell'articolo Paola Nardi, Runaway Women Slaves: From Slave Narratives to Contemporary Rewritings
Il saggio si apre con una breve panoramica sul dibattito teorico attualmente in corso che intende mostrare come le donne schiave raccontino le loro esperienze di negazione di libertà con modalità differenti rispetto a quelle adottate dagli uomini. Proprio per la diversità di genere, le condizioni di schiavitù al femminile hanno caratteristiche del tutto proprie che danno origine a “a different story to tell” al femminile. L’analisi prosegue poi prendendo in considerazione due testi, Incidents in the Life of a Slave Girl, testo esemplare di racconto autobiografico di schiavitù scritto da Harriet Jacobs e pubblicato nel 1861, e Beloved del premio Nobel Toni Morrison, un’opera del 1987 fra le più rappresentative delle neo-slave narratives, romanzi contemporanei che testimoniano come la storia e la memoria della schiavitù giochino ancor oggi un ruolo di primo piano nella definizione dell’identità degli Stati Uniti, sia essa un’identità individuale, di genere, di razza, culturale o nazionale.
DOWNLOAD dell'articolo Daniela Pagani, Fuga da Israele – Il caso dello scrittore Eshkol Nevo
Ne “Il sindacato dei poliziotti yiddish”, Michael Chabon immagina un mondo senza Israele, in cui gli ebrei hanno fondato uno Stato in Alaska, Aharon Appelfeld nel suo ultimo romanzo Il ragazzo che voleva dormire, affronta il tema dell’approdo a una nuova patria, Philip Roth, in un libro splendidamente assurdo, racconta di un suo sosia che si presenta a Gerusalemme per promuovere un progetto diasporista che consiste nel far sloggiare gli ebrei dalla Palestina. Eshkol Nevo, una delle voci più originali della nuova narrativa ebraica, in una sorta di nuova epopea, Neuland, sogna invece una minuscola Città del sole ebraica in Sud America. “I miei protagonisti sono intrappolati come il loro paese. Andare via, li libera”. Un’analisi di come un’invenzione poetica sia in grado di celebrare tutto ciò che sarebbe potuto essere se le cose avessero avuto la forza di andare diversamente.
DOWNLOAD dell'articolo Rosa Pignataro, La fuga dell’‘Io’ narrativo nel romanzo del dopoguerra spagnolo
Il contributo consiste in una proposta di analisi di alcuni dei romanzi più significativi del dopoguerra spagnolo a partire dagli anni ’40 fino agli anni ’60-’70. Mi soffermo ad analizzare la ‘fuga’ dell’‘Io’ dalla narrazione in La familia de Pascual Duarte e La colmena, di Camilo José Cela, El camino di Miguel Delibes e Volverás a Región di Juan Benet. Il primo dei romanzi in esame è marcato dalla presenza forte ed imperante del yo narrativo di Pascual che rappresenta appieno la rotondità dell’autobiografia. La ‘fuga’, l’allontanamento, la disgregazione fino alla totale rottura del patto narrativo tra autore e lettore comincia a concretizzarsi con un romanzo della decade successiva, El camino, in cui un narratore onnisciente filtra l’esperienza autobiografica attraverso gli occhi dei bambini. Il passo successivo è la moltiplicazione infinita della rappresentazione del sé in un mosaico di voci e personaggi narranti ne La colmena. La fuga dell’‘Io’, poi, trova la piena realizzazione nell’opera benetiana Volverás a Región che stigmatizza il totale anonimato narrativo dato da un narratore onnisciente ma che, infrangendo le regole ‘tradizionali’ della narrazione, introduce il lettore in uno spazio dai contorni indefiniti, labili, opachi dove l’‘Io’ fluttua, rivela ciò che i personaggi dicono e sentono ma, confondendone nomi e vicende, testimonia la condizione di rovina dell’esistenza umana.
DOWNLOAD dell'articolo Paola Ponti, “Dobbiamo ritentare la fuga”. L’inizio e i finali delle Avventure di Pinocchio
Nelle Avventure di Pinocchio tre episodi meritano particolare attenzione perché aprono e chiudono la storia del burattino: la fuga dal padre all’inizio del libro (cap. III), quella dagli assassini che pone fine alla tranche pubblicata nel 1881 sul “Giornale per i bambi e ni” (capp. XIV-XV) e, infine, la fuga dal Pesce-cane con la quale termina la versione definitiva dell’opera, uscita nel 1883 per i tipi di Paggi (capp. XXXV-XXXVI). L’analisi ha permesso di evidenziare come il rapporto istinto-ragione segni un’evoluzione nelle modalità di fuga di Pinocchio, lasciandone tuttavia inalterata la struttura di fondo. Il meccanismo di entrambi i finali si articola infatti secondo una forma chiusa che, avendo la morte c ome punto di partenza e come esito conclusivo, si pone in alternativa ad un iter di formazione.
DOWNLOAD dell'articolo Francesco Rognoni, Fuga in Franciacorta. Alessandro Spina e Joseph Conrad
Il saggio è una presentazione dell’opera di Alessandro Spina (1927-2013), senza dubbio il maggior romanziere ‘post-coloniale’ italiano, il quale, nel corso di una carriera attiva di circa cinquant’anni, non ha mai smesso di ‘dialogare’ con l’opera di Joseph Conrad. Il tema della ‘fuga’, onnipresente nei romanzi (e nella vita) di entrambi gli autori, serve da Leitmotiv all’articolo, in cui si mostra (fra l’altro) come la lezione ‘strutturale’ di Conrad (il suo uso del narratore-personaggio) sia, quasi paradossalmente, più riconoscibile nei romanzi ambientati in Italia, fra ambienti borghesi, che in quelli appartenenti al ‘ciclo africano’.
DOWNLOAD dell'articolo Stefano Rosso, Note sulla fuga (e sull’inseguimento) nel western americano
Com’è noto, il motivo della fuga è tipico del romanzo angloamericano, ma acquisisce una centralità chiara e formulaica con il genere western. Tuttavia, soprattutto nel secondo dopoguerra, questo genere in apparenza conservatore ha prodotto alcune opere di narrativa in cui l’ideologia del sogno americano è stata messa radicalmente in questione. Questo breve saggio si propone di mettere in evidenza le operazioni revisionistiche di scrittori come Elmore Leonard, Charles Portis e altri che seguirono le loro orme.
DOWNLOAD dell'articolo Benedetta Saglietti, Ritiro dalle scene, fuga per quartetto vocale, radio contrappuntistica: fugue ed escape in Glenn Gould
Il pianista Glenn Gould abbandonò il mondo dei concerti dal vivo all’apice della sua carriera (1964). Nello stesso periodo la fuga per quartetto vocale So you want to write a fugue?, ironica iperbole meta-musicale, prendeva le distanze dalla musica ‘classica’ occidentale, facendosene beffe. Nel 1967 il radiodocumentario The Idea of North apre la Trilogia della solitudine. Gould ha inventato la ‘radio contrappuntistica’, fatta di linee vocali indipendenti che s’intrecciano senza elaborazione tematica. Egli trasfigura così la sua fuga personale (escape) in arte radiofonica. Attraverso gli scritti di Gould, alcuni dei quali mai tradotti in italiano, e la discussione di So you want to write a fugue? e di The Idea of North mi propongo di chiarire come l’escape del pianista dal mondo sia stata perfezionata attraverso la fuga e il contrappunto.
DOWNLOAD dell'articolo Giulio Segato, Fleeing War. Due strategie di diserzione letteraria:I parenti del Sud di Carlo Montella e Going After Cacciato di Tim O’Brien
Il saggio indaga due diverse strategie di diserzione rappresentate in due romanzi di guerra: I parenti del sud di Carlo Montella e Going After Cacciato di Tim O’Brien. Nelle due opere analizzate la diserzione sembra essere collegata al conflitto che fa da sfondo al romanzo. Nel libro di Montella,il protagonista, ancora obnubilato dalle dottrine tautologiche fasciste, qualche settimana dopo l’armistizio di Cassibile decide di disertare e di fuggire nella villa di un’anziana parente, con lo scopo di rinsavire dall’ideologia del regime. Nel romanzo di O’Brien, invece, la fuga messa in scena dall’autore sembra avere gli stessi tratti grotteschi e assurdi del conflitto in cui è stato catapultato il protagonista,la Guerra del Vietnam.
DOWNLOAD dell'articolo Davide Vago, Proust, fuir l’oralité pour trouver un accent
Proust ha spesso ribadito la sostanziale incompatibilità tra la conversazione mondana e il tempio silenzioso della scrittura letteraria. Tuttavia, più egli si chiude nelle sua stanza foderata di sughero per dare vita alla sua fuga dalla materia transeunte dell’oralità, più quest’ultima tende a emergere nella sua scrittura declinandosi non tanto come voce, bensì in quanto accento. Con la nostra comunicazione intendiamo illustrare questo paradosso esaminando il confronto tra il narratore e la voce di Bergotte.
DOWNLOAD dell'articolo Marisa Verna, Le fugitif. Fuir la vérité dans la Recherche du temps perdu
Everyone knows that Proust’s Recherche is the history of an artistic vocation, the history of a quest of truth. Truth, however, is not easily found and hides itself away. The novel’s hero hides himself, he flees during three thousand pages to avoid facing his artistic mission. This article aims to analyse this flight and it is structured in three parts: the flight of friendship, the flight of love and the flight from literature, Marcel’s final attempt to indulge in divertissement, wasting the true time of beauty for urbane life. Only when sorrow and mourning lead him to the obscurity of the self, can the novel’s hero take upon himself his artistic duty. In effect, if Albertine is the Fugitive, if it is she who physically disappears, it is Marcel who keeps on fleeing in his uninterrupted ‘fugue’, in the double meaning of ‘flight’ and of “a contrapuntal composition in which a short melody or phrase is introduced by one part and successively taken up by others and developed by interweaving the parts”. This last meaning is only possible in the night of sorrow and in the desert of absence.

È possibile scaricare i files della rivista integrale in PDF cliccando qui,  in ePub cliccando qui,  in mobi (formato Kindle) cliccando qui.

Fascicolo 2/2013

In questo numero:

J. Rock – D. Puato – M. F. Bonadonna – N. Stoyanova – M. Di Salvo – L. Mor – M. Diez – M. Verna e M. Calusio – G. Gobber – E. Galazzi e C.Molinari – M. Ulrych e A. Murphy – A. Bonola – F. Missaglia


Saggi

DOWNLOAD dell'articoloIndice
DOWNLOAD dell'articolo James Rock, Exploring vocabulary-related epistemological beliefs with Q-methodology
Negli ultimi decenni parecchie ricerche si sono concentrate sulla comprensione delle motivazioni che rendono conto dell’adozione di determinate strategie per l’apprendimento di vocaboli da parte di alcuni studenti e non di altri. Ciò ha comportato il prendere in esame numerose variabili, comprese tra le altre l’attitudine dello studente allo studio delle lingue, la motivazione, il ruolo dell’insegnante, e la convinzione di essere autoefficaci. In questo articolo si è dato rilievo all’esplorazione delle credenze epistemologiche riguardanti l’apprendimento di vocaboli, in un tentativo di comprendere quali credenze epistemologiche sono state più o meno favorite da 40 studenti universitari italiani di inglese come lingua straniera. Utilizzando una tecnica nota come metodologia Q, l’indagine ha rivelato che, sebbene i partecipanti condividano molte credenze epistemologiche riguardanti l’apprendimento di vocaboli, ci sono anche alcune importanti differenze tra di loro. Queste in particolare si riferiscono a come gli studenti sono dipendenti da una fonte esterna di conoscenza e alle loro opinioni sulla certezza della conoscenza.
DOWNLOAD dell'articolo Daniela Puato, Gli atti direttivi nei foglietti illustrativi dei medicinali tedeschi
In questo studio vengono analizzati gli atti direttivi di un corpus di foglietti illustrativi per i medicinali tedeschi con obbligo di prescrizione. In particolare, ne vengono descritte le diverse realizzazioni linguistiche e il grado di direttività. Un primo risultato evidenzia che l’imperativo e sollten si configurano come le formulazioni tipiche della direttività di questo genere testuale, a differenza di altri generi testuali della categoria istruttiva, caratterizzati per lo più dall’uso dell’infinito. Più rilevante è l’emergere di una tendenza alla desemantizzazione delle forme canoniche della direttività, che evidenzia come la difficile comprensibilità dei FI sia determinata anche da aspetti di natura pragmatica e non solo lessicale e sintattica.
DOWNLOAD dell'articolo Maria Francesca Bonadonna, Il fascismo contro i francesismi della moda. Il Commentario dizionario di Cesare Meano
Il Commentario Dizionario Italiano della Moda di Cesare Meano fu pubblicato nel 1936 dal regime fascista, come strumento atto a difendere lo strategico settore della moda dalle importazioni straniere. Questo articolo, dopo aver tracciato i caratteri generali del testo, finora poco studiato in ambito linguistico, vuole esaminare il trattamento dei prestiti dal francese nella Guida finale, dedicata alla versione dei forestierismi in italiano. Nella terza sezione sono, infine, proposte alcune note circa la ricezione del volume e delle proposte traduttive di Meano.
DOWNLOAD dell'articolo Nataliya Stoyanova, Complessità della gerarchizzazione sintattica in L2: confronto fra il russo degli apprendenti italofoni e quello dei parlanti nativi
Solitamente si pensa che gli apprendenti di una seconda lingua inizialmente usino strutture sintattiche piuttosto semplici e gradualmente avvicinino la loro sintassi alla norma della lingua d’arrivo. Alcuni approcci funzionali arrivano ad affermare che tutto il proccesso acquisizionale è una graduale sintattizzazione, ossia un passaggio dalla modalità pragmatica a quella sintattica. Nel presente lavoro vogliamo verificare se e in che misura questo sia vero nel caso in cui la lingua madre degli apprendenti sia più ipotattica (e dunque più complessa) rispetto alla lingua seconda. A questo scopo è stato condotto un esperimento su un corpus bilingue appositamente creato, che comprende la descrizione scritta di sette episodi del film muto Tempi Moderni fatta da 3 diversi gruppi di partecipanti all’esperimento: testi in russo L2 di italofoni, in italiano L1 (più ipotattico) e in russo L1 (meno ipotattico). Quindi è stata analizzata la complessità delle gerarchie macro-sintattiche usate nel corpus. Il lavoro che pubblichiamo presenta i dati osservati e dimostra che il livello di complessità delle gerarchie macro-sintattiche usate dagli italiani in russo anche alle tappe iniziali dell’acquisizione supera la complessità tipica per il russo L1. Per spiegare tale fenomeno si avanza l’ipotesi che nell’apprendimento della L2 l’influsso della lingua madre sia più determinante rispetto alla competenza ancora immatura nella lingua seconda.
DOWNLOAD dell'articolo Margherita Di Salvo, Lingua italiana e immagini dell’Italia nella scrittura migrante di Concetta Coppolino
Concetta Copolino, nata a Mazzarà Sant’Andrea (ME) nel 1939, migrò a Cambridge (Inghilterra) come donna delle pulizie. Quando arrivò in Inghilterra nel 1957, non conosceva l’inglese. Ma, dopo molti anni in Inghilterra e senza andare a scuola, è riuscita a imparare la lingua con cui ha scritto due romanzi, A Difficult Situation e A Volcanic Destiny. Al suo primo romanzo, A Difficult Situation, è dedicato il presente contributo, che si propone la sua analisi linguistica e culturale.
DOWNLOAD dell'articolo Lucia Mor, Die Literarisierung des entzifferten Ägypten. Wissenschaft und Fiktion im Roman Uarda (1877) von Georg Ebers (1837-1898)
Nel contesto dell’orientalismo ottocentesco riveste un ruolo significativo la produzione narrativa dell’egittologo berlinese Georg Ebers (1837-1898), i cui romanzi rientrano nella categoria del Professorenroman. Al confine fra letteratura e storiografia, le opere di ambientazione egizia di Ebers diedero origine ad una vera e propria egittomania e fecero conoscere ad un vasto pubblico di lettori figure, eventi, usi e costumi dell’antica terra del Nilo, a quel tempo oggetto di studio della prima generazione di egittologi tedeschi (Lepsius, Brugsch); ma la trasposizione letteraria dell’antico mondo egizio fu anche occasione per mettere a tema questioni scottanti di natura religiosa, politica e sociale del presente. L’analisi del romanzo Uarda, un successo stampato in migliaia di copie, intende non solo mettere a fuoco la Weltanschauung di Ebers, ma g anche contribuire a riscoprire uno scrittore che, seppur di valore mediocre dal punto di vista letterario, rappresenta un tassello significativo dello Zeitgeist guglielmino.
DOWNLOAD dell'articolo Martino Diez, I talismani di al-Maʿarrī: il prologo dell’Epistola del perdono e una divagazione in rima
L’articolo analizza e traduce due brani dell’Epistola del perdono, capolavoro del letterato filosofo Abū l-ʿAlāʾ al-Maʿarrī. Il ricco prologo in prosa rimata, già tradotto in tedesco e commentato da Gregor Schoeler, e una divagazione filologica secondo le lettere dell’alfabeto completano il quadro della prima parte dell’Epistola del perdono, dedicata al viaggio ultraterreno di Ibn al-Qāriḥ. In appendice sono infine offerte alcune correzioni e precisazioni alla traduzione dell’Epistola pubblicata da Einaudi (Torino 2011).
DOWNLOAD dell'articolo Marisa Verna e Maurizia Calusio, Recensioni
DOWNLOAD dell'articolo Giovanni Gobber, Rassegna di Linguistica generale e di Glottodidattica
DOWNLOAD dell'articolo Enrica Galazzi e Chiara Molinari, Rassegna di Linguistica francese
DOWNLOAD dell'articoloMargherita Ulrych e Amanda Murphy, Rassegna di Linguistica inglese
DOWNLOAD dell'articolo Anna Bonola, Rassegna di Linguistica russa
DOWNLOAD dell'articolo Federica Missaglia, Rassegna di Linguistica tedesca

È possibile scaricare i files della rivista integrale in PDF cliccando qui,  in ePub cliccando qui,  in mobi (formato Kindle) cliccando qui.

Fascicolo 1/2013

In questo numero:

F. Ricci Garotti – M. Bonifazio – M. Serio – L. Devilla – A. Raimondi – L. Salvato – G. Gobber – E. Galazzi e C. Molinari – M. Ulrych e A. Murphy – A. Bonola – F. Missaglia


Saggi

DOWNLOAD dell'articolo Indice
DOWNLOAD dell'articolo Federica Ricci Garotti, Passione o leggerezza? Un’analisi contrastiva di pubblicità italiane e tedesche
Quale relazione esiste tra i gusti e le abitudini alimentari e l’identità? E in che modo il testo pubblicitario può aiutare a svelare la propria cultura e quella degli altri? Questo è uno degli interrogativi a cui il contributo cerca di dare una risposta analizzando un corpus di campagne pubblicitarie non esteso, ma significativo. Sono stati presi in esame, infatti, testi pubblicitari in italiano e in tedesco riguardanti le stesse marche di prodotti alimentari distribuiti in Italia e in Germania. I testi sono stati analizzati in chiave contrastiva attraverso le componenti linguistiche e visive, seguendo l’impostazione di alcuni tra gli studi più recenti sul testo multimodale. Il confronto tra le strategie utilizzate permette di confrontare sia il rapporto delle due culture con il cibo sia le tendenze attuali delle abitudini alimentari dei destinatari del messaggio. Di particolare interesse sono i testi pubblicitari di prodotti italiani (Barilla) per un pubblico tedesco e, viceversa, anche se meno numerosi, di prodotti tedeschi (ad esempio Müller) per un pubblico italiano. La presenza di stereotipi linguistici e culturali arricchisce l’analisi interculturale del rapporto, sempre complesso ma mai banale, tra i due Paesi e svela che, sorprendentemente, il linguaggio tedesco utilizzato per il gusto è molto più tradizionale e informativo di quello italiano, che contiene maggiori ambiguità e dunque esercita un’influenza più autoritaria sul gusto nella cultura italiana.
DOWNLOAD dell'articolo Massimo Bonifazio, “Dieta rigorosa, dicevamo”. Annotazioni sul cibo nella narrativa di Thomas Mann
Le descrizioni di atti alimentari svolgono un ruolo centrale nella narrativa di Thomas Mann. Esse consentono un’analisi approfondita su molti livelli. Mann le usa come dispositivo adatto a rappresentare personaggi e situazioni, mescolando la funzione simbolica a quella realistica. L’articolo indaga il ruolo delle moltissime rappresentazioni di atti alimentari in particolare nella novella Der Tod in Venedig (La morte a Venezia, 1912) e nel romanzo Buddenbrooks (I Buddenbrook, 1901).
DOWNLOAD dell'articolo Marco Serio, Die Weltzweiheit als Wahrnehmungsmuster im Gedichtbuch „Die Bettlerschale“ von Christine Lavant
Il presente articolo si focalizza sull’analisi di liriche esemplari, tratte dalla raccolta di poesie Die Bettlerschale (1956), della poetessa austriaca Christine Lavant, la cui esistenza è stata caratterizzata essenzialmente da povertà, malattie croniche, lutti, sofferenze, nonché da una profonda crisi religiosa, riflesso del rigoroso cattolicesimo imperante nella sua natia Carinzia. Nello specifico il mio contributo intende analizzare singole liriche della poetessa dall’intima prospettiva del suo Io, dimidiato tra sfera spirituale e terrena.
DOWNLOAD dell'articolo Lorenzo Devilla, L’image de la Sardaigne dans les guides touristiques français et italiens
Questo articolo si soffermerà sull’immagine della Sardegna che emerge dalle guide turistiche francesi e dalla guida italiana del Touring Club, in un’ottica contrastiva. Oggetto d’indagine non saranno tuttavia le immagini stereotipate, bensì i processi enunciativi nei quali si inserisce lo stereotipo. Sulla scorta degli studi più recenti nell’ambito della pragmatica della comunicazione turistica e dell’analisi del discorso turistico verranno analizzati, in particolare, l’aggettivazione e alcuni fenomeni di stereotipia linguistica e discorsiva: cliché di denominazione, citazioni e paragoni.
DOWNLOAD dell'articolo Andrea Raimondi, Dialetto e identità nei racconti di Beppe Fenoglio
Il concetto di identità è intrinsecamente ambivalente, e il termine è usato in una varietà di contesti. In quanto fenomeno assai complesso, il concetto di identità è stato al centro di numerosi studi apparsi negli ultimi cinquant’anni, anche se quelli che qui interessano maggiormente sono riguardanti gli aspetti linguistici dell’identità. Il linguaggio verbale è, infatti, un evidente indicatore di identità personale, e il primo strumento che si usa per negoziare il nostro rapporto con gli altri. Nella prima parte dell’articolo ci si sofferma brevemente su alcuni di questi studi, in particolare Acts of Identity di Robert Le Page e Andrée Tabouret-Keller, e sulla teoria della language accommodation formulata da Howard Giles. Si cercherà quindi di applicare queste teorie ad alcuni passi tratti dai racconti di Beppe Fenoglio, nei quali i personaggi si esprimono in dialetto piemontese, allo scopo di spiegare tali scelte linguistiche, e dimostrare come l’uso del dialetto può contribuire a esprimere l’identità personale del parlante e la sua appartenenza a un determinato gruppo sociale.
DOWNLOAD dell'articolo Lucia Salvato, Recensioni
DOWNLOAD dell'articolo Giovanni Gobber, Rassegna di Linguistica generale e di Glottodidattica
DOWNLOAD dell'articolo Enrica Galazzi e Chiara Molinari, Rassegna di Linguistica francese
DOWNLOAD dell'articolo Margherita Ulrych e Amanda Murphy, Rassegna di Linguistica inglese
DOWNLOAD dell'articolo Anna Bonola, Rassegna di Linguistica russa
DOWNLOAD dell'articolo Federica Missaglia, Rassegna di Linguistica tedesca

È possibile scaricare i files della rivista integrale in PDF cliccando qui,  in ePub cliccando qui,  in mobi (formato Kindle) cliccando qui.

Fascicolo 2/2012

In questo numero:

L. Balbiani – M. Calusio – S. Gilardoni – H.-G. Grüning – E. Longhi – M. A. Rieger – M. Baggio e M. C. Gatti – B. Cambiaghi – E. Galeazzi e C. Molinari – M. Ulrych e M. L. Maggioni – A. Bonola – G. Gobber e F. Missaglia – F.Missaglia


Saggi

DOWNLOAD dell'articolo Indice
DOWNLOAD dell'articolo Laura Balbiani, Der Krieg ist der beste koch. Die Metapher des Essens in Einblattdrucken zur Zeit des Dreissigjährigen Krieges
Diese Fallstudie über Flugblätter aus der Zeit des Dreißigjährigen Krieges (1618-1648) zeigt, anhand zahlreicher Belege, wie die konzeptuelle Metapher des Essens, und insbesondere des Festessens, mit ihren zahlreichen Implikationen dazu geeignet war, einem breiten, nicht unbedingt gebildeten Publikum das extrem verwickelte Kriegsgeschehen näher zu bringen. Dadurch wurden die einzelnen Kriegsereignisse und die Stellung der unterschiedlichen kriegsführenden Parteien thematisiert und in einen umfassenden Deutungszusammenhang gebracht. So entstand ein dichtes Netz von intertextuellen Verweisen, das sich durch die unterschiedlichen Kriegsphasen erstreckt und den facettenreichen Implikationenbündel der Festessens-Metapher kreativ ausschöpft. Dank dieser Metapher, die aus dem Alltag des ‚gemeinen Mannes‘ hergeleitet wird (und sich bewusst seiner dürftigen Kost entgegensetzt) konnte man einen unübersichtlichen, äußerst komplexen Sachverhalt wie den des Dreißigjährigen Krieges auf eine greifbare, oft heilsgeschichtliche Perspektive zurückführen und den heftigen Spannungen jener Jahre Ausdruck verleihen.
DOWNLOAD dell'articolo Maurizia Calusio, “Crudele è la potenza della fame”. Leggendo Tutto scorre di Vasilij Grossman
Nel saggio vengono analizzati i passi della povest’ di V. Grossman Tutto scorre… dove compare il tema del cibo (la sua abbondanza o il suo opposto, la fame, fino alla tragedia della “Grande carestia”). Attraverso il tema del cibo, l’analisi mette in rilievo la compiutezza e la rilevanza artistica di una delle opere più significative dell’autore di Vita e destino, rimasta inedita fino al 1970, e a tutt’oggi ancora poco studiata.
DOWNLOAD dell'articoloSilvia Gilardoni, Parlare di olio. Terminologia della degustazione e tipi di testi
In questo contributo analizziamo la terminologia italiana del settore olivicolo con attenzione ai termini impiegati nella descrizione delle proprietà degustative dell’olio di oliva. Sulla base di un corpus costituito da una documentazione di carattere lessicografico e testuale in lingua italiana presentiamo un’analisi concettuale e terminologica del dominio dell’analisi sensoriale dell’olio. Una parte del lavoro è poi dedicata ad esaminare le modalità espressive e le variazioni terminologiche in tipi di testi specifici della comunicazione di settore, come testi normativi, testi divulgativi con finalità informative e testi promozionali.
DOWNLOAD dell'articoloHans-Georg Grüning, Gastronomische metaphorik und nationalcharakter
Il mangiare è uno dei fattori che servono a caratterizzare, per lo più in maniera spregiativa, una persona o gruppi di persone che hanno abitudini gastronomiche diverse dalle proprie attraverso un nome o nomignolo che si basa su una metafora gastronomica. Partendo da un’analisi linguisticosemantica la ricerca si allarga all’uso della metafora gastronomica nella satira politica (Hogarth, Gillray) e ad autori come Heinrich Heine e Vittorio Imbriani che usano le metafore gastronomiche per descrivere satiricamente e/o umoristicamente gli appartenenti ad altri popoli o gruppi sociali, una tecnica che in tempi di conflitti assume toni polemici e diffamanti.
DOWNLOAD dell'articolo Elisabetta Longhi, Una fame da toro. Riflessioni sull’ ingordigia nella cultura austriaca
L’esperienza del cibo e del suo eccesso è un tema che ha incontrato l’interesse di personalità provenienti da ambiti molto diversi, ciascuna caratterizzata da un motivo dominante nell’espressione del proprio biasimo. Si sceglieranno casi esemplari attinti da uno spazio temporale di più di tre secoli, dal tardo Seicento ai giorni nostri, e attraverso tale excursus si traccerà l’evoluzione del pensiero austriaco su quest’argomento, visto nei suoi risvolti religiosi, morali, psicologici, medici, sociali e anche comico-goliardici. Dall’anatema scagliato contro il peccato di gola nell’omiletica barocca si approderà al concetto di bulimia come malattia da curare.
DOWNLOAD dell'articolo Marie A. Rieger, Il sapore dell’ italia: i nomi delle marche alimentari pseudoitaliane in Germania
La cucina italiana è famosa e apprezzata in tutto il mondo. Per molti, la sua varietà e leggerezza sono l’espressione tangibile della proverbiale gioia di vivere degli italiani, per altri evoca il sole, il mare e le vacanze. Sicuramente tutti concordano sul fatto che la cucina italiana sia sinonimo di bontà e qualità. In Germania, in particolare, la gastronomia italiana può vantare quasi sessant’anni di storia e un fatturato annuale che supera i tre miliardi di Euro. Il successo del mangiare all’italiana si rispecchia anche sugli scaffali dei supermercati che sono pieni di prodotti alimentari tipici della cucina italiana. Ma accanto alle marche BARILLA, BUITONI e LAVAZZA si possono trovare anche gli spaghetti COMBINO, la pizza RIGGANO e il caffè BELLAROM. A differenza dei primi tre nomi, tutte marche tradizionali italiane, gli ultimi tre sono marche commerciali tedesche che hanno l’evidente obiettivo di suggerire l’origine italiana dei rispettivi prodotti. Poiché l’origine italiana è garante di bontà e qualità, anche aziende tedesche cercano di sfruttare il cosiddetto country-of-origin effect. L’analisi linguistica di un corpus di 41 nomi di marche tedesche italianizzanti dimostra che le naming strategies possono essere ricondotte a pochi modelli formativi, il che sembrerebbe violare l’imperativo dell’innovazione e della diversità imposto dalle strategie del marketing. Eppure, i nomi sono perfettamente funzionali: dal momento che corrispondono all’idea che i tedeschi hanno della lingua italiana, come dimostrano degli studi empirici condotti da me, tali nomi sono percepiti come italiani e ai rispettivi prodotti viene attribuita un’origine italiana che funge, a sua volta, da marchio di qualità.
DOWNLOAD dell'articolo Mario Baggio e Maria Cristina Gatti, Rassegna di Linguistica generale
DOWNLOAD dell'articolo Bona Cambiaghi, Rassegna di Glottodidattica
DOWNLOAD dell'articolo Enrica Galeazzi e Chiara Molinari, Rassegna di Linguistica Francese
DOWNLOAD dell'articolo Margherita Ulrych e Maria Luisa Maggioni, Rassegna di Linguistica Inglese
DOWNLOAD dell'articolo Anna Bonola, Rassegna di Linguistica Russa
DOWNLOAD dell'articolo Giovanni Gobber e Federica Missaglia, Rassegna di Linguistica Tedesca
DOWNLOAD dell'articolo F.Missaglia, Recensioni

È possibile scaricare i files della rivista integrale in PDF cliccando qui,  in ePub cliccando qui,  in mobi (formato Kindle) cliccando qui.

Fascicolo 1/2012

In questo numero:

E. Reggiani – C. Nifosi – R. Sarracco – F. Locatelli – M. Baggio e M.C. Gatti – B. Cambiaghi – E. Galazzi e C. Molinari – M. Ulrych e M.L. Maggioni – A. Bonola – G. Gobber e F. Missaglia


Saggi

DOWNLOAD dell'articolo Indice
DOWNLOAD dell'articolo Enrico Reggiani, “A quiet renewal”. Tendenze religiose nella letteratura irlandese contemporanea
Nell’esaminare l’esperienza letteraria irlandese (comunque de nita) non bisognerebbe dimenticare che, come ha osservato Robert Welch, “the religious instinct is a permanent feature of Irish writing”. Il saggio offre sia alcune considerazioni introduttive di natura metodologica sul rapporto tra letteratura (in inglese) e religione, sia l’analisi di una selezione ragionata di effetti prodotti dall’influenza di tale “religious instinct” sulla “scrittura” di una serie di testi emblematici di provenienza irlandese: ad es., un discorso della ex-Presidente della Repubblica d’Irlanda Mary McAleese e alcuni passi pertinenti da opere di scrittori irlandesi degli ultimi decenni (Michael Longley, Frank McCourt, Roddy Doyle, Sebastian Barry, Joseph O’Connor, Seamus Heaney et al.).
DOWNLOAD dell'articolo Chiara Nifosi, Proust e Ruskin: il complesso ipotesto della coscienza
L’articolo si occupa di analizzare nuovi aspetti delle connessioni ipertestuali esistenti tra la produzione letteraria di John Ruskin e il grande romanzo di Marcel Proust, À la Recherche du Temps Perdu. Tale studio si concentra sul ruolo di Ruskin nel processo di acquisizione di uno stile originale da parte di Proust, sulla base delle tracce lasciate dall’autore francese negli apparati paratestuali che accompagnano le sue traduzioni di The Bible of Amiens e Sesame and Lilies. Nelle sue prefazioni e note, il traduttore sembra abbozzare alcune riflessioni cruciali per la stesura del capolavoro ancora in fase di elaborazione. Per fare ciò, il testo principale è trasformato da Proust in uno spazio di sperimentazione dove mettere alla prova le sue stesse scelte stilistiche. La ‘digestione’ proustiana delle opere di Ruskin è un lungo processo condotto in due fasi: al momento della traduzione, Proust si comporta come un vero critico fornendo al lettore citazioni tratte da altri testi e commenti riguardanti le scelte linguistiche, retoriche e ideologiche dell’autore; in un secondo momento, nel corso della stesura di À la Recherche du Temps Perdu, le riflessioni indotte da Ruskin ritornano e rivelano tutta la loro importanza nella costruzione della grande cattedrale proustiana. uesto ritorno di temi e motivi tipici dell’immaginario dell’artista è testimoniato a quattro livelli, tutti fondamentali per il romanzo: unità strutturale, trama, quadro retorico e analisi metatestuale sembrano anticipati da Proust negli apparati di accompagnamento alle due traduzioni e rielaborati in seguito. Il nostro obiettivo è quello di dimostrare che Proust ha tratto spunto dal confronto con Ruskin per definire la sua coscienza d’artista, grazie al costante confronto stilistico favorito dalla traduzione. Ruskin può essere quindi considerato un pretesto, e non tanto un modello, per l’autore francese. Le conclusioni si concentrano sull’originalità delle pratiche ipertestuali messe in atto da Proust in qualità di traduttore, critico e artista alla ricerca di uno stile completamente nuovo ed efficace.
DOWNLOAD dell'articoloRoberto Sarracco, Metafonologia de I demòni di F.M. Dostoevskij: analisi e problemi di traduzione
Il saggio presenta l’analisi metafonologica di un dialogo fra Pëtr Verchovenskij e Stavrogin dal romanzo I demòni di F.M. Dostoevskij, secondo la definizione di ‘metafonologia’ proposta da Sergio Cigada nel 1989. In esso vengono isolate le forme metafonologiche relative all’uno e all’altro personaggio e vengono classificate secondo i tratti sovrasegmentali del ritmo e del volume. Si ricostruiscono, così, alcune sfumature della comunicazione fittizia del romanzo dostoevskiano, lette alla luce della sua struttura teatrale e della coesistenza, in esso, di tragicità e comicità, dichiarata dall’autore stesso. In conclusione, l’autore propone alcune soluzioni per la traduzione italiana del testo metafonologico.
DOWNLOAD dell'articoloFederica Locatelli, L’inépuisable fonds de l’universelle analogie: Baudelaire et la comparaison
Si pour Charles Baudelaire, comparer signifie “puiser dans l’inépuisable fonds de l’universelle analogie” et révéler ces correspondances qui constituent le but d’une vie d’homme et d’artiste, nous comprenons le rôle prééminent conféré à la figure de la comparaison dans une telle poétique. Séparée de la métaphore, avec laquelle elle a toujours été mise en relation au fil des siècles, cette figure, par l’entremise du ‘comme’ – le sésame d’un rapport nouveau, selon la définition de Meschonnic – se caractérise par une configuration et des potentialités spécifiques: entre toutes, la possibilité de défigurer la réalité ainsi qu’elle est conçue pour la recréer grâce à l’établissement de nouveaux rapports de correspondance entre les éléments. Soumise au travail “scientifique” sur le langage établi par l’écrivain symboliste, la comparaison est investie d’un pouvoir poétique innovateur de signification, dont nous essayerons d’offrir un aperçu en analysant quelques-unes de ses occurrences, parmi les plus originales, qui apparaissent dans le recueil des Fleurs du Mal.
DOWNLOAD dell'articolo Recensioni
DOWNLOAD dell'articolo Rassegna di Linguistica Generale, a cura di M. Baggio e M.C. Gatti
DOWNLOAD dell'articolo Rassegna di Glottodidattica, a cura di B. Cambiaghi
DOWNLOAD dell'articolo Rassegna di Linguistica Francese, a cura di E. Galazzi e C. Molinari
DOWNLOAD dell'articolo Rassegna di Linguistica Inglese, a cura di M. Ulrych e M.L. Maggioni
DOWNLOAD dell'articolo Rassegna di Linguistica Russa, a cura di A. Bonola
DOWNLOAD dell'articolo Rassegna di Linguistica Tedesca, a cura di G. Gobber e F. Missaglia

È possibile scaricare il file della rivista integrale in PDF cliccando qui.

Fascicolo 2/2011

In questo numero:

E. Banfi – M. Morani – C. Heiss & M. Soffritti – T. Roelcke – P. F. Fumagalli – C. Plantin – J. G. Tamine – I. M. Kobozeva – R. Reppen – M. Baggio & M. C. Gatti, B. Cambiaghi, D. Vago, E. Galazzi & C. Molinari, M. Ulrych & M. L. Maggioni, A. Bonola, G. Gobber & F. Missaglia


Saggi

DOWNLOAD dell'articoloIndice
DOWNLOAD dell'articolo Emanuele Banfi, ‘Imperfezione’ vs ‘perfezione’ dei sistemi linguistici
Da un punto di vista puramente strutturale, qualsiasi lingua (sia che si tratti di una prestigiosa lingua di cultura che di un dialetto di qualsiasi parte del mondo) è perfetta. In teoria, ogni sistema linguistico possiede i propri sistemi fonologici, morfologici, lessicali e sintattici ed essi sono perfettamente funzionali. Il concetto di ‘imperfezione’ o, meglio, ‘inadeguatezza’ si può attribuire ad un sistema linguistico quando ne vengono analizzate le ‘potenzialità’ da un punto di vista socioculturale. Un sistema linguistico è tanto più vicino alla perfezione quanti più sono i domini socioculturali in cui può essere utilizzato. A questo proposito è molto utile il concetto di ‘architettura’ dei sistemi linguistici: si tratta di un concetto che consente di cogliere, grazie a una serie di parametri linguistici, i segmenti che ‘compongono’ il sistema e che determinano la loro reciproca posizione in uno spazio linguistico ideale.
DOWNLOAD dell'articolo Moreno Morani, Per uno studio in prospettiva diacronica della lingua del calcio
L’articolo propone una descrizione di alcune problematiche relative alla terminologia del calcio secondo i metodi della linguistica diacronica. Riprendendo un contributo del 1991 l’autore si propone di esaminare alcuni cambiamenti del linguaggio calcistico negli ultimi venti anni. Sono trattati i seguenti punti: 1. la terminologia calcistica in Wikipedia. 2. parole effimere nella lingua del calcio. 3. italiano e altre lingue: qualche confronto. 4. palo e traversa. 5. termini stranieri in italiano (e termini italiani in lingue straniere). 6. neologismi del calcio. 7. ‘gol’ e derivati. 8. ‘dribblare’ e derivati. 9. il tipo ‘finalissima’. 10. il tipo ‘facitore’ e altri nomina agentis in -tore. 11. conclusioni.
DOWNLOAD dell'articoloChristine Heiss, Marcello Soffritti, “Das ist namlich so / So lauft das namlich”. Der Gebrauch von namlich und seinen italienischen Entsprechungen in Filmdialogen. Eine kontrastive Untersuchung mit der Datenbank FORLIXT
In questo contributo si propone un’analisi dell’uso di nämlich nella comunicazione dialogica orale e delle possibili corrispondenze in italiano. L’indagine integra i risultati finora disponibili, ricavati sostanzialmente da documenti scritti o da esempi autoprodotti, con elementi nuovi derivanti dalla banca dati multimediale forlixt. In aggiunta alle classificazioni finora proposte si individuano nuove funzioni comunicative e particolari strategie dell’interazione dialogica, con un uso molto flessibile e differenziato di nämlich. Questa ricchezza e flessibilità si manifesta anche nel doppiaggio dall’italiano al tedesco, a fronte di specifiche esigenze della traduzione multimediale.
DOWNLOAD dell'articoloThorsten Roelcke, Das Italienische in der deutschen Sprachreflexion des Barock und der Aufklarung
Il presente articolo tratteggia il pensiero tedesco sulla lingua italiana nel XVII e XVIII secolo. Si illustra come, nel periodo barocco e illuminista, la lingua italiana sia oggetto di discussioni controverse, di metafore e di giudizi di valore. Viene poi descritto un progetto lessicografico riguardante il pensiero relativo al linguaggio nei paesi di lingua tedesca. Grazie ad una struttura lessicografica nuova e snella, l’obiettivo del progetto consiste nel fornire un’interpretazione immanente al testo ed una documentazione del pensiero relativo alle lingue ed ai dialetti di questo periodo.
DOWNLOAD dell'articolo Pier Francesco Fumagalli, Lingue, culture, religioni: Cina e India in dialogo
Nuove opportunità di scambi culturali globali stimolano la riflessione sulle religioni e sulle culture, nei contesti europeo ed asiatico, e spingono a fare riferimento a tradizioni antiche e a teorie antropologiche contemporanee. non solo la tradizione ebraica, cristiana e musulmana, ma anche il pensiero metafisico e mistico della Grecia e dell’India dovrebbe sviluppare un dialogo più profondo con i valori cinesi di origine confuciana e taoista. Altri contributi, che condividono lo sforzo verso la responsabilità di affrontare le sfide della società di oggi, possono provenire dai molti studi scientifici ed umanistici, dalle tradizioni buddiste e dalle ricerche storiche.
DOWNLOAD dell'articolo Christian Plantin, Ethos, persona e autorità
Che cosa è l’ethos e che ruolo ha nell’argomentazione? al di là delle rilevanti relazioni tra i concetti di ethos e logos (l’ethos consiste principalmente di un processo discorsivo che costruisce la persona) e tra ethos e pathos (l’ethos necessariamente muove), il contributo prende le mosse dagli usi polisemici della parola ethos, che sembra aver sostituito la parola personalità nel lessico dell’argomentazione. La ‘persona’ viene analizzata da tre punti di vista: in primo luogo, in quanto origine del discorso, l’ethos può avere il ruolo di prova ed essere persuasivo nella misura in cui la persona appare esperta e onesta. Quindi si analizza la distinzione tra ethos tecnico (un risultato del discorso) ed extra-tecnico (il carisma). In secondo luogo, la persona è l’oggetto del discorso che condiziona l’esistenza di determinate linee (tematiche) nella costruzione testuale. Infine, la persona è il destinatario del discorso: il tipo di ascoltatore determina premesse e argomenti. I modelli critici rifiutano l’autorità come se fosse una contaminazione: qui si accoglierà la sfida di pensare l’argomentazione quale attività in contesto al fine di determinare le condizioni di un uso accettabile dell’autorità. Per fare questo, si argomenterà contro un ethos invasivo dal punto di vista retorico, quindi contro l’autoritarismo. Il contesto ci indica le condizioni sociali specifiche, come le norme legali, che vincolano attraverso la forza di istituzioni convenzionali.
DOWNLOAD dell'articolo Joelle Gardes Tamine, Rhetorique et poesie
Aristotele istituì una distinzione tra poesia e retorica perché la prima riguarda ciò che è possibile e la seconda riguarda i fatti. Tuttavia è possibile ravvisare punti di contatto tra le due discipline. La poesia può argomentare e, nel discorso epidittico, è allineata alla retorica riguardo alla necessità di promuovere i valori della bellezza. Inoltre, Aristotele riconosceva che “il pensiero” e “le modalità espressive” caratterizzano entrambe in egual modo. Questo produce in ultima analisi una visione della lingua globale e altamente flessibile, risolvendo i conflitti, come si può vedere nel caso delle figure retoriche. Non solo il trio ethos-logos-pathos permette di definire la retorica “problematologica”, nella terminologia di M. Meyer, ma si applica anche a tutte le funzioni linguistiche, così che è possibile considerare la poesia come una branca della retorica o entrambe come i poli di una medesima attività linguistica.
DOWNLOAD dell'articoloIrina Michajlovna Kobozeva, Conjunctions as markers of rhetoric relations in discourse: the case of Russian ‘и’ – Союзы как маркеры риторических отношений в дискурсе: русский союз ‘и’
Il contributo è uno studio di caso riguardante la semantica delle congiunzioni considerate come segnali di relazioni semantiche tra unità del discorso. Da questo punto di vista viene esplorata la varietà di usi, che i grammatici hanno chiamato “sensi specifici” della principale congiunzione coordinativa in russo, и (“e”). Le relazioni retoriche (rr) tratte dalla teoria della struttura retorica di Mann e Thompson sono usate come un meta-linguaggio per descrivere il significato di questa congiunzione. Viene descritto l’ampio spettro di rr compatibili con l’uso di и e si dimostra che in generale un “senso specifico” della congiunzione in una data frase composta può essere correttamente interpretato solo nel contesto di unità discorsive più ampie.
DOWNLOAD dell'articoloRandi Reppen, The internet as a resource for English language instruction
Il contributo riguarda l’utilizzo delle risorse online per l’insegnamento della lingua. Viene offerta una descrizione di risorse per insegnanti e studenti, insieme ad alcune linee guida per il loro utilizzo. Sono prese in considerazione risorse che mettono a tema competenze specifiche insieme a strumenti proposti per la creazione di attività. L’articolo si conclude con una breve esplorazione dei corpora online.
DOWNLOAD dell'articolo Note, Discussioni e Rassegne, a cura di Mario Baggio e Maria Cristina Gatti, Bona Cambiaghi, Davide Vago, Enrica Galazzi e Chiara Molinari, Margherita Ulrych e Maria Luisa Maggioni, Anna Bonola, Giovanni Gobber e Federica Missaglia

È possibile scaricare il file della rivista integrale in PDF cliccando qui.